LongeVity-C Vitality Cream – Setarè

 

Eccomi qui, pronta a metterci la faccia ancora una volta! Un altro prodotto Setarè ha fatto capolino a casa mia: la nuovissima crema viso Longevity-C Vitality Cream.

Qualcuno/a conoscerà sicuramente il siero della stessa linea ma, se vi va di saperne di più, correte a leggere cosa aveva scritto qualche mese fa la nostra Shimmer! 

 

Crema Longevity-C Vitality Cream

Direttamente dalla scheda tecnica vediamo l’attività cosmetica che svolge:

  • Migliora il colorito facendo apparire la pelle più RAGGIANTE e RINGIOVANITA;

  • Protegge la pelle dalla comparsa delle macchie brune e schiarisce quelle presenti rendendo la pelle più uniforme;

  • Idrata a lungo la pelle e stimola la produzione di Elastina e Collagene con effetto tonificante e rimpolpante;

  • Potente Antiossidante che protegge la pelle dalla degradazione e dall’inquinamento.

 

Per raggiungere questi risultati lavorano a pieno regime:

  • Vitamina C Liposomiale Stabilizzata, che schiarisce ed illumina la pelle;
  • Rame Gluconato: ha un effetto ossigenante che migliora lo stato dei capillari del viso e le macchie cutanee;
  • Estratto biologico di Zafferano, antiossidante e anti-pollution;
  • Acido Ialuronico 3D, che fissa l’idratazione della pelle del viso;
  • Vitamina E e olio di Jojoba biologico, antiossidanti;
  • Burro di Karité e squalano vegetale, elasticizzanti.

 

Ecco l’INCI completo:

Aqua [Water], Caprylic/capric triglyceride, Simmondsia chinensis (Jojoba) seed oil*, Butyrospermum parkii (Shea) butter*, Cetearyl glucoside, Cocos nucifera (Coconut) oil, Cetearyl alcohol, Glycerine, Mica, Titanium dioxide, Glyceryl stearate SE, Polyhydroxystearic acid, Cera alba [Beeswax], Xanthan gum, 3-0-Ethyl ascorbic acid, Lecithin, Ethylhexylglycerin, Sodium hyaluronate, Propanediol, Crocus sativus flower extract, Tocopherol,Lonicera caprifolium (Honeysuckle) flower extract, Lonicera japonica (Honeysuckle) flower extract, Parfum [Fragrance], Phenoxyethanol, Benzyl alcohol, Helianthus annuus (Sunflower) seed oil, Copper gluconate, Benzoic acid, Dehydroacetic acid, Squalene, Potassium sorbate, Beta-sitosterol, Sodium benzoate. *da agricoltura biologica/ organically grown.

La mia esperienza

La crema è contenuta in un elegante barattolo di vetro che contiene 50ml di prodotto; il PAO è di 6 mesi. Svitando il tappo si apprezza l’odore di agrumi e di dolce, che però svanisce dopo l’applicazione. Quest’ultima è velocissima: il prodotto si assorbe in fretta e la sensazione è quella di una crema corposa ma fresca.Volete sapere come si è comportata con la mia pelle da 47enne, con qualche ruga e qualche macchietta? Sottolineo il fatto che la uso da un mesetto soltanto, quindi spero che i risultati fin qui ottenuti migliorino ancora con l’utilizzo continuativo nei mesi a venire.

Comunque, veniamo al sodo:

Pelle più luminosa? Sì, inoltre l’applicazione è piacevole e la pelle resta morbidissima. Mi sembra migliorato anche il colorito, sempre bianco cadaverico ma uniforme.

Schiarisce le macchie ed evita che se ne formino di nuove? Per il momento le mie non sono sparite ma ho visto migliorare tantissimo i capillari sulle guance. 

Protegge la pelle dall’inquinamento? Onestamente a questo non so rispondere: ho la fortuna di vivere in campagna!

Però, tra la mascherina e le temperature rigide, la sera arrivo con il viso segnato e arrossato e non vedo l’ora di detergerlo a fondo e idratarlo.

La crema è adatta a tutti i tipi di pelle. La mia è sensibile, a volte secca. Non so come il prodotto si potrebbe comportare su una pelle grassa, in quanto veramente corposo. Comunque ne basta una piccola quantità e la pelle rimane morbida per ore. 

Se avete letto la mia ultima recensione vi ricorderete che ero entusiasta della crema antirughe di Setarè. Volete sapere quale preferisco tra le due?

Sono due prodotti totalmente diversi, a partire dal profumo. Primo punto alla Longevity: il profumo di agrumi, anche se vago ed evanescente, vince!

Texture: l’antiage è più leggera, non lascia alcuna sensazione di unto e forma una sorta di film fresco sul viso: un punto per lei.

Risultati: con l’antiage ho visto una riduzione delle rughette ma con la Longevity ho notato un colorito migliore e praticamente sparire i capillari sulle guance. Un altro punto per Longevity.

 

Conclusioni

Visto che ho entrambe le creme sarò felicissima di alternarle, magari aggiungendo il siero della linea Longevity per un effetto urto e per splendere anche sotto la mascherina!

 

Articolo scritto da Sandra

 

 

 

(Visited 233 times, 1 visits today)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: