Olio di Tamanu e olio di Nigella – Fitomedical

Le recensioni possono cambiare la vita!

Addirittura??? Sì, per me è stato così! Ma tranquilli, non sono in preda ad un delirio di onnipotenza! Ovviamente non mi riferisco alle mie recensioni, ma a quelle che ho letto alcuni anni fa, cercando nel web un rimedio in grado di bloccare un incessante prurito al cuoio capelluto. Prurito che, oltre ad essere il campanello d’allarme di uno squilibrio, mi faceva sembrare un cane rognoso ovunque fossi, per strada o in ufficio.

E’ stato SOLO grazie alla lettura delle esperienze di altre persone che ho iniziato a scoprire il mondo del bio, ed in particolare quello degli oli che mi ha subito affascinata. Non sapevo, infatti, che gli oli puri possiedono un’elevata concentrazione di principi attivi benefici per la pelle. Che possono essere applicati da soli o miscelati ed utilizzati per massaggi, impacchi, maschere e per l’aromaterapia (in cui sono impiegati oli essenziali altamente concentrati, ottenuti da piante).

Olio di Tamanu e olio di Nigella - Fitomedical

Devo la mia rinascita all’ingresso di questi prodotti nella mia routine. Pur amando visceralmente i cosmetici pronti all’uso, gli oli conservano un posto speciale sia nel mio cuore che nel mio armadietto; a volte rappresentano il rimedio d’emergenza per eccellenza.

Less is more…

Quando sono stata scelta per una collaborazione con il magico mondo dei prodotti Fitomedical, ho pertanto accettato con enorme entusiasmo, lo stesso con il quale vi racconto la mia esperienza (SPOILER!!).

Fitomedical

In commercio esiste una moltitudine di prodotti, ma bisogna fare attenzione a sceglierne di ottima qualità. La linea di Fitomedical è una tra le più complete nel panorama della cosmesi eco biologica internazionale: i prodotti sono puri al 100%, ottenuti mediante spremitura a freddo (procedimento che offre la massima garanzia di qualità e purezza), biologici e privi di conservanti o di altre sostanze aggiunte, tanto che possono fregiarsi della certificazione AIAB.

Ho ricevuto 5 referenze: oggi, in particolare, mi soffermerò su due, un po’ più di nicchia ma spettacolari per la cura di pelle e capelli!!! Insieme ai prodotti mi sono state fornite dettagliate schede tecniche ed anche una interessantissima guida, che propone ricette semplici e velocissime da realizzare, anche per me che non sono una spignattatrice.

Olio di Tamanu

INCI

CALOPHYLLUM INOPHYLLUM seed oil

L’olio di tamanu, molto diffuso in Polinesia, è uno degli oli biologici più ricercati per le sue innumerevoli proprietà: antibiotiche, antinfiammatorie, lenitive, idratanti ed anti-ossidanti, cosmetiche, ed analgesiche, ampiamente comprovate da studi clinici. E’, dunque, un olio utile per curare varie patologie della pelle, da quelle più comuni a quelle complesse. Gli abitanti delle isole lo applicano su abrasioni, tagli, ferite, ustioni, possiede la capacità di promuovere la formazione di nuovo tessuto, accelerando così la guarigione delle ferite.

Olio di Tamanu e olio di Nigella - Fitomedical

Il suo colore è un intenso verde smeraldo, l’odore è simile all’olio di oliva ma più aromatico, direi tra l’erbaceo ed il terroso, sicuramente molto penetrante ed invadente e non svanisce facilmente.

Ispirata dalla bellezza di pelle e capelli delle donne polinesiane ho deciso di destinare l’olio alla cura del corpo, che tendenzialmente trascuro per pigrizia, mancanza di tempo (scusa sempre valida!), ma soprattutto perché soffro tantissimo il freddo e sono alquanto restia ad abbandonare i miei dieci strati di indumenti.

Avendolo ricevuto in primavera inoltrata, ho pensato di poterlo provare sulle smagliature che ho sui fianchi; in verità non sono particolarmente profonde ed evidenti, ma nell’ultimo periodo, a causa di frequenti oscillazioni di peso, hanno subito un leggero incremento.

La cosa importante è tenere sotto controllo le aspettative: sicuramente le donne polinesiane lo usano dalla nascita e devo imprimere a fuoco nella mia mente che non potrei ottenere quella pelle e quei capelli nemmeno vivendo in immersione in un barile d’olio per qualche lustro!

Come lo utilizzo

Almeno 2/3 volte alla settimana effettuo un lungo massaggio sulla pelle umida, dopo la doccia, partendo dalle caviglie. Ne utilizzo poco alla volta, aggiungendo altre gocce man mano che risalgo verso il punto vita, soffermandomi particolarmente sulle zone dove l’inestetismo è più evidente.

Subito dopo l’applicazione provo una piacevole sensazione di rilassatezza, e la morbidezza della pelle dura a lungo; tra l’altro, trovo che la mia pelle risulti molto più idratata anche nei giorni in cui non lo uso. Le smagliature non sono sparite, in compenso sono spariti i dolori alle articolazioni e pure la lombalgia, e ve lo dice un mezzo rottame che fa poca attività fisica e trascorre buona parte della giornata in una zona umida, vicino al mare.

Per me è stato una manna dal cielo, un sollievo incredibile, mi ha aiutato a combattere gli spiacevoli disturbi che si ripresentano puntuali nei mesi più caldi: senso di pesantezza accompagnato da formicolio, crampi, gambe pesanti, caviglie gonfie.

A tal proposito, voglio riproporvi due rimedi efficaci che ho trovato nella guida.

Per i piedi affaticati e gonfi

Un cucchiaio di aloe vera, un cucchiaino di olio di tamanu, 5/6 gocce di olio essenziale di cipresso, 3/4 gocce di olio di geranio – mescolare bene e massaggiare. Sostituendo le gocce di geranio con altrettante di olio essenziale di cedro, si ottiene un preparato utilissimo per combattere stasi venose e varici.

Vogliamo parlare delle scottature?

Sono piuttosto maldestra e distratta, per cui ferro da stiro, pentole bollenti lasciano spesso il segno. Vi assicuro che l’olio è formidabile! Ve lo potrebbe confermare anche una mia amica, alla quale l’ho prestato in estate per lenire una scottatura solare. Il giorno seguente era di nuovo in forma, bruciore ed arrossamento completamente svaniti! Non potete capire la soddisfazione, visto che lei è una “silicon addicted” che fino a quel momento aveva guardato con diffidenza il bio! E dico “aveva” perché poche ore dopo l’ho beccata a googlare “rivenditori Fitomedical”. Come è finita? Che ne ha fatto scorta e so per certo che lo sta usando con soddisfazione dopo la depilazione e per gli impacchi ai capelli, che rende lucidi e morbidissimi! Un uccellino mi ha riferito che sta conducendo per proprio conto ricerche approfondite e pare stia insistendo con il fidanzato affinché lo provi come rimedio contro la psoriasi! (tanto lo so che leggerà e mi riempirà di insulti…ahahahhaa)

Punti a sfavore?

Si, uno! Macchia gli indumenti e le lenzuola…niente che non vada via con un passaggio in lavatrice, ma l’odore impregna i tessuti. Per me non rappresenta un problema, uso vecchi pigiami e biancheria che periodicamente butto via, e chiudo un occhio sull’odore penetrante. Se non tollerate gli odori un po’ opprimenti vi consiglio di desistere, o in alternativa valutare una molletta sul naso!

CONTROINDICAZIONI: in caso di pelle molto sensibile è preferibile non utilizzarlo per periodi molto prolungati. E’ comunque consigliato miscelarlo ad altri oli o burri perché potrebbe causare arrossamenti e sensazione di calore

Olio di Nigella

Anche questo è un olio ricco di acidi grassi essenziali ristrutturanti, estratto dai semi di Nigella Sativa, più nota come cumino nero; è un rimedio rinomato sin dai tempi dell’antico Egitto, attualmente oggetto di numerose ricerche, in particolare in campo medico.

Gli arabi definiscono i semi “benedetti”. Vi elenco alcune delle loro proprietà:

Addolcente, antiacne, antinfiammatorio, antiossidante, arresta la caduta dei capelli, combatte le irritazioni del cuoio capelluto, utile per dermatite, psoriasi ed eczemi

Ho scelto senza esitazioni di utilizzarlo per i capelli, perché in estate sono stata colpita da una copiosa caduta, in netto anticipo sulla stagione autunnale; l’olio rafforza i follicoli capillari ed è utile anche in caso di cuoio capelluto irritato o desquamato.

Olio di Tamanu e olio di Nigella - Fitomedical

Come lo utilizzo

Lo applico puro, direttamente sul cuoio capelluto inumidito, massaggiando lentamente con i polpastrelli fino a completo assorbimento; proseguo insistendo sulle punte, tengo in posa minimo mezz’ora sotto una cuffia o un asciugamano caldo (ma se riesco preferisco lasciarla agire per almeno un’ora) e poi procedo con uno shampoo specifico.

Volendo, si può creare una miscela, mescolando parti uguali di nigella e olio di jojoba: oltre a stimolare i bulbi capilliferi, contrastare e rallentare la caduta di capelli e stimolare la crescita dei nuovi, è utilissima in caso di prurito.

Da ripetere almeno una volta alla settimana, i primi risultati saranno visibili dopo pochi trattamenti!

Ma non solo! In caso di mal di testa, basta massaggiare delicatamente le tempie con poche gocce.

Ed ancora: si può massaggiare su tutto il corpo prima della doccia o bagno con acqua calda, per trarre maggior benefici dal cumino. In alternativa si può applicare dopo, a pelle umida, per nutrire la pelle, da solo o in combinazione con altri oli. Penetra perfettamente nella pelle. L’utilizzo regolare favorisce il microcircolo ed aiuta a combattere inestetismi quali la cellulite, questo perché stimola i processi di rigenerazione dei tessuti e il drenaggio delle tossine sottocutanee.

Sinceramente, su questo punto sono piuttosto scettica, l’olio di nigella non sa quanto possa essere fedele la mia cellulite. MALEDETTA!!! Però, tentar non nuoce… mi nigellerò e vi farò sapere…

Per oggi è tutto, vi do appuntamento alla prossima puntata dove vi parlerò di altri tre oli, ma intanto vi consiglio caldamente di seguire la pagina Facebook di Fitomedical, sempre ricca di spunti ed informazioni interessanti

A presto!

ALCUNI ISTANTI DOPO

Visa: E’ FINITA LA RECENSIONE? fiuuuuuu, questa volta l’ho scampata!!! Devo assolutamente ringraziare Fitomedical!!!

Articolo scritto da Amina Shimmer

Potrebbero interessarti anche:
Come utilizzare gli oli vegetali Fitomedical per i capelli
10 modi di usare gli oli vegetali Fitomedical
Oli vegetali: Neem, Olivello spinoso, Macadamia

(Visited 644 times, 1 visits today)

Una risposta a “Olio di Tamanu e olio di Nigella – Fitomedical”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: