Linea viso costituzionale – La Saponaria

“LE PERLE DI GIORGIA” VA DA BABBO NATALE (E NON TORNA PIU’?!)

SKIN CARE 3 STEPS (MA NON SOLO) CON LA LINEA VISO COSTITUZIONALE LA SAPONARIA

E benvenuti a tutti. Ben trovati. I miei cambi di personalità non sono ancora terminati, e anche per questa volta dovrete rinunciare a immaginarmi dispersa tra gli scaffali dei supermercati in cerca di prodotti cosmetici eco (nomici) bio.

Ebbene sì: ho pensato che per Natale avrei potuto fare ulteriormente un’eccezione e darvi una dritta (o no? Chi lo sa). Inoltre anch’io non potevo esimermi dal provare qualche novità SANA (anche se ormai è bello che archiviato, e io sono in un ritardo folle).

Mi sono messa d’impegno, e dopo alterne vicende eccomi qui con una proposta che mi ha stupita davvero.

Prima di tutto, per farvi capire quale skincare io segua, è necessario parlarvi brevemente (lo giuro!) del mio tipo di pelle.

Donna (ma va?), 40 anni, da sempre convinta di avere la pelle unicamente mista (grassa e lucida in zona T, secca sulle guance), alla veneranda età dell’anno scorso (😃) mi metto a “studiare” per capire quale modalità avrebbe giovato di più al mio viso.

Leggendo un po’ qua e un po’ là, ho compreso i seguenti:

La mia pelle non è solo mista

Nelle zone secche, spesso vi sono punti neri e pori dilatati. Grazie a Skineco e alle schede della dottoressa Serri, ho scoperto che potrebbe tendere all’asfittico. Quindi non va principalmente idratata e nutrita (anche), ma prima di tutto riequilibrata.

Nonostante nella scheda in specifico non venga menzionata la fase del tonico (che invece è segnalata in routine per la pelle mista), ho compreso che i 3/4 steps (dopo vi spiego) in skincare a me fanno molto bene.

Ma basta parlare di me, che vi sarete ampiamente rotti, e parliamo di loro.

Visti al SANA e mai dimenticati. Nemmeno avevo capito, fino all’ultimo, che fossero delle novità in rassegna.

Se volete qualche notizia su La Saponaria (come se ce ne fosse bisogno) la potete trovare qui.

Io passo alla pratica.

Linea viso costituzionale - La Saponaria

STEP 1

Forte del desiderio di iniziare un “percorso” con i controfiocchi, ma soprattutto con prodotti della stessa linea (voi credete nella sinergia tra i cosmetici?), ho compiuto il primo passo con Mirtilla. Lei non è mia cugina, ma la mousse detergente con acqua costituzionale di mirtillo nero (ma va?).

E vediamolo questo frutto dalle mille e una proprietà: esso contiene antocianosidi e polifenoli con effetti antiossidanti, che proteggono dall’azione dei radicali liberi dunque e combattono le fragilità dei capillari. Un vero elisir contro l’invecchiamento (cutaneo, in questo caso, ma non solo).

Inoltre il Vaccinium myrtillus extract protegge le pelli sensibili soggette ad arrossamenti, e tutela il microcircolo e le pelli impure con pori dilatati.

Insomma, chi poteva farselo scappare? Altri attivi moooolto interessanti presenti sono l’estratto di riso venere – caratteristico di tutta la linea – l’ormai famoso Sodium Hyaluronate e l’estratto di calendula.

COME LA USO

Utilizzo Mirtilla ogni mattina. Shakero e ne prelevo una piccola noce: più si agita, più la consistenza è densa. Se prende aria, inizia a smontarsi quasi subito (vedi foto dove è già in fase di “afflosciamento” (termini tecnici portatemi via). Sarà perché non sono una fotografa provetta? Mah!

Spalmo su tutto il viso e sul collo, massaggio dolcemente ma ripetutamente e la mousse diventa crema leggera, dopodiché inizia a essere assorbita dalla pelle. A questo punto risciacquo con acqua tiepida e tampono con un asciugamano pulito.

Linea viso costituzionale - La Saponaria

Questo prodotto è coccoloso al punto giusto, piacevole e con una profumazione leggera leggera, quasi impercettibile. La sensazione è di pelle detersa e compatta. Ho iniziato a utilizzarla subito dopo l’acquisto (proprio al SANA), prima da sola e poi con i coadiuvanti, e posso proprio dire che durerà una mezza eternità, come tutte le mousse. Niente di irreparabile, ma continuando a prendere il flacone con le mani bagnate, le scritte si cancelleranno (e lo potete notare in foto, a meno che il MIO tecnico della fotografia non abbia fatto un ottimo lavoro!).

STEP 2

Come precedentemente accennato, ho scelto di mantenere per me la fase del tonico, e in questo caso specifico di Mirtilla, l’acqua attiva rimineralizzante (mai separare le famiglie).

Anche qui l’estratto di riso venere: un ingrediente davvero curioso che avevo ritrovato pochi anni fa in una linea economica (ma con buon INCI) presso una catena cosmetica e che ora non viene più prodotta. Poi più nulla.

Le sue proprietà in acqua in questo caso sono rinfrescanti, rimineralizzanti e seboregolatrici. Tutto ciò che serve a me per restituire equilibrio alla pelle confusa. Che fai, una spintarella non gliela dai?

COME LA USO

Il flacone in vetro è molto comodo e soprattutto riutilizzabile (perché pensiamo a noi, ma è giusto anche pensare all’ambiente). In passato, mi è capitato di dover travasare questo tipo di prodotto in spruzzini di varia provenienza, e invece qui La Saponaria ha pensato a tutto. Ricordate di tenere il flacone distante una ventina di centimetri, altrimenti il raggio di azione sarà ridotto e dovrete applicare più volte per “coprire” viso e collo (utilizzate gli stessi trattamenti che fate al viso anche al collo?).

Inizialmente invadono una piacevole sensazione di freschezza e un profumo “vero” di mirtillo. Dopo poco, e forse questa è la parte meno piacevole, sento la pelle un pochino appiccicosa, trattata ma appiccicosa. Fortunatamente è una sensazione che scompare velocemente, ma so che questo passaggio è essenziale per donare al mio viso tonicità, freschezza, ulteriore pulizia e prepararla all’applicazione successiva.

STEP 2 E 1/2

Vi chiederete se mi sono rimbambita del tutto. Cosa sarebbe questa fase? Cosa mi sarei inventata? Nulla di che. Solo che, in inverno principalmente, sento l’esigenza di utilizzare un siero per pelle sensibile che calmi e lenisca, prima dell’applicazione della crema. Questo perché la pelle con le basse temperature, eventi atmosferici vari e brutture cittadine (tipo smog) subisce forti contraccolpi e ha bisogno di ulteriore tutela e protezione.

Vi chiederete se utilizzo anche qui un prodotto La Saponaria… Per ora no, ho scelto di terminare altre referenze al mio attivo, ma sicuramente non mancherò in futuro di perfezionare questa routine.

STEP 3

Ho pensato e ripensato: a questo punto, la benedetta pelle asfittica non poteva essere ingrassata, nutrita, super idratata.

No. Il processo è quello di riequilibrare (“riequilibrare” is the new black!), e quindi in un attimo tutto è stato chiaro come il sole: Melissa, crema viso idratante. Acqua di foglie di melissa, anche qui un ottimo antiossidante, anti rossore, protegge la pelle dalle aggressioni esterne, la lenisce quando ne ha bisogno. E poi ancora olio di argan, olio di oliva e il dolcissimo olio di albicocca. Insomma: produzione di sebo, levati che passo! Niente più zona T lucida, ma pelle comunque idratata.

COME LA USO

Non ne ero convinta, sapete?

Pensavo non fosse sufficiente, pensavo che le zone secche non avrebbero avuto riscontro con una crema del genere. Le zone arrossate, intorno al naso o tra gli occhi, nei giorni più pungenti si esfoliano perfino. E invece quest’ultimo “passo” è efficace e decisivo: prelevo la giusta quantità di crema dal dispenser sempre riutilizzabile e sempre in vetro, la applico massaggiando e se ritengo ne serva ancora la prendo senza timore, senza il pensiero di ingrassare troppo (ueh, si parla di pelle del viso ne!).

Posso dire di avere la sufficiente idratazione e protezione per tutta la giornata. E lo dico senza nascondermi: la sera ho difficoltà a fare dei trattamenti, spesso una night routine non ce l’ho, e comunque quello che faccio la mattina, con costanza, mi basta.

Sono dunque davvero contenta di aver preso la decisione di seguire questa strada.

La Saponaria, ti conoscevo poco nonostante il nome blasonato, e non mi sono affatto pentita di averti dato una possibilità. A dire la verità, l’hai data tu alla mia pelle.

Spero mi perdonerete, ho preferito raccontarvi le mie vicende che parlarvi di INCI, prezzi e contenuti. Quelli li potete ritrovare in tutti i siti che desiderate.

Bene, il Natale si avvicina.

LUI sta preparando l’albero e si sta scervellando per trovarmi un regalo degno. Vorrei dirgli che mi basterebbe un bel cesto dei miei eco cosmetici preferiti, ma non ne ho il coraggio. La sua faccina di quando mi porge il pacchettino più improbabile di questo mondo non ha prezzo!

Ma voi! Voi sì, siete ancora in tempo per sfruttare gli sconti di shop partner riservati al nostro gruppo (siete iscritte vero al nostro Lebloggersiamonoi Biocafè?) e fare un dono prezioso come quello di cui oggi vi ho narrato.

Happy Christmas da me + LUI + PICCOLI LUI

P.S.: nessun cosmetico è stato maltrattato durante le fotografie di questa recensione! 😉

Articolo scritto da La Giorgia

Potrebbero interessarti anche:
10 proposte regali makeup bio [Mitruccobio]
[Le perle di Giorgia va in città] 2 prodotti Dr. Alkaitis
[B.I.O.] Grandi classici rivisitati- Ed. LaGiorgia Vol.2

(Visited 708 times, 1 visits today)

4 Risposte a “Linea viso costituzionale – La Saponaria”

  1. La mousse Mirtilla è uno dei miei prodotti preferiti di questo 2017 e mi accompagnerà ancora perché l’adoro!!!

    1. Provaci. Anche io non volevo crederci. E invece ho avuto soddisfazione. Io invece ho provato un campioncino della anti-age e poi ho scelto Melissa per la maggiore idratazione provata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: