Le Interviste di #LBSN: incontriamo Bio’s

Bentornati nel nostro Blog!

Nessuna recensione rende l’idea di chi ci sia dietro un brand, ma credetemi se vi dico che vale sempre la pena scoprirlo. Nascono così le nostre interviste e la protagonista di oggi è Danya, Daniela per noi, anima del marchio Bio’s.

Ha catturato la mia attenzione un suo messaggio privato in cui mi ringraziava perché da una mia foto che avevo pubblicato in cui ero con Francesca, mia amica e titolare del Laboratorio Fitocosmetico Pascucci, aveva dato vita a nuovi prodotti.

Leggete cosa ci racconta… Bio’s

Buona lettura!

Le Interviste di #LBSN: incontriamo Bio's

 

1. Siamo rimaste incuriosite dal fatto che nasci come ceramista e poi, ad un certo punto, crei un’azienda di cosmetici ecobio. Il passo è tutt’altro che breve: quali step intermedi ci sono stati? Come ti sei approcciata al mondo dell’ecobio? Quando è realmente nato il vostro brand?


Nasco da un padre biologo naturopata ed una madre architetto, in età scolastica non ho potuto scegliere e ho seguito le orme di mia madre, così ho una laurea in architettura ed un master in marketing.

Nella nostra vita si è parlato di biologico da sempre, mio padre ha trasmesso questa passione a me e ai miei fratelli, ma la vita non mi ha concesso prima di poter occuparmene in termini lavorativi. Non appena laureata, ho conosciuto il padre di mio figlio. Ho lasciato il nord Europa, dove studiavo ed il nord Italia, dove abitavo, per seguirlo in Umbria, ad Orvieto esattamente. Da quel momento la mia vita sentimentale ha vissuto momenti davvero difficili e quella lavorativa ancor di più.

Dovendomi inventare un lavoro ed essendo nel paese del vino e della ceramica ho iniziato con quest’ultima. Bellissima esperienza, ma con l’attacco dell’11.09.2001 il turismo è crollato da un giorno all’altro e ho dovuto chiudere la mia attività, facendo l’architetto senza retribuzione. Poi ho deciso di trasferirmi a Montefiascone, ma anche qui, senza una famiglia e con un figlio adolescente, mi sono dovuta reinventare.

Nel 2016 ho incontrato il mio attuale compagno che con la sua famiglia ha un’attività di ingrosso per le farmacie e da qui, grazie alla collaborazione con una ragazza che ha un laboratorio di cosmetici bio, è partita la mia avventura.

Ho creato così la linea di cosmetica ecobio con il nome di Bio’s!

Nel frattempo ho lasciato l’azienda dei miei suoceri, incompatibile con la mia etica e con quello che è il mio progetto di produzione di cosmesi naturale.

Dopo un anno circa il mio rapporto con il laboratorio iniziale si è concluso a seguito della mia conoscenza con Francesca, grazie ad un tuo post.


2. Hai altre passioni legate alla natura, alle piante, alla terra?


Ho passioni nell’anima di terra e di territorio, sono innamorata della Tuscia e di ciò che produce e rende questo territorio, ma non ho fisicamente il tempo di fare nulla, il lavoro mi impegna circa 20 ore al giorno.


3. Bio’s è fatto di persone: ce le presenti? Parlaci del tuo staff, partendo da te!


Bio’s è la mia famiglia letteralmente. Io mi occupo delle formulazioni, offro il mio contributo al laboratorio e seguo il rapporto con i clienti. Patrick, mio figlio, lavora al mattino con i miei suoceri e con Christian, mio marito, e il pomeriggio mi aiuta nelle spedizioni. Christian, purtroppo è ancora impegnato tutto il giorno con l’attività di famiglia e quando rientra la sera mi aiuta in tutte quelle cose tecniche che non sono riuscita a portare a termine da sola.


4. Siamo ragazze curiose e, a parte me, non conosciamo esattamente cosa c’è dietro un cosmetico, un prodotto finito. Ti va di raccontarci come nasce un prodotto cosmetico, quali test subisce prima di arrivare a noi consumatori?


Un cosmetico per quanto mi riguarda, nasce dalla necessità di dare una risposta alla richiesta del cliente. Io non amo mettere in produzione prodotti fini a se stessi o seguendo la moda della concorrenza. Metto in produzione fitocosmetici funzionali e giorno dopo giorno rivedo e valuto ogni possibile variante per migliorarne la resa o l’ efficacia.

Parto dalla richiesta di mercato e sviluppo una formula, non essendo un tecnico in questo, sottopongo a Francesca la mia formula e lei la rielabora, corregge e ne realizza dei campioni. Dopo di che si fanno eseguire in un laboratorio analisi, test per la presenza di nickel o metalli pesanti, challenge test per valutarne la stabilità e un patch test allergologico.

Se tutto questo risulta regolare, si mettono in produzione i quantitativi necessari.

Le Interviste di #LBSN: Bio's


5. Ho letto sul vostro sito che alla base di tutto il vostro lavoro c’è la collaborazione, che non è semplice da trovare. Quali sono le difficoltà che maggiormente hai incontrato?

Sono una persona troppo propositiva per sentire o ricordare le difficoltà, certo ce ne sono!!! Persone che si dimostrano collaborative ma che in realtà si appropriano della tua disponibilità e non danno nulla in cambio… ce ne sono state molte!

Ma fa niente, appena mi accorgo le allontano elegantemente.


6. Negli ultimi tempi il mercato dei cosmetici artigianali è letteralmente esploso. Quali sono i pro e contro che hai riscontrato sul mercato in questi anni?


E’ vero, sono nate molte realtà simili alla mia. Il vantaggio è che viene diffusa maggiormente la politica del biologico o comunque del naturale. Inoltre ho sempre nuove realtà per collaborare e confrontarmi con persone che magari, iniziando, hanno bisogno di supporto o aiuto per realizzarsi o affermarsi sul mercato. Di contro, è sempre più difficile distinguere i prodotti validi da quelli nati per puro caso e senza una linea guida etica.


7. Prodotti cosmetici artigianali ce ne sono molti, la normativa non aiuta di certo a far chiarezza su cosa sia un prodotto bio e che caratteristiche debba avere. Alcuni brand hanno optato per la certificazione da enti terzi per garantire i propri prodotti, altri brand ritengono non siano necessario. Qual è l’approccio di Bio’s in merito? Cosa vi fa distinguere dagli altri e quale consiglio daresti a noi consumatori?

All’inizio del mio percorso, nel 2016, ritenevo che una certificazione fosse necessaria, tant’è che mi ero rivolta ad un ente, piuttosto importante, per poter far certificare i prodotti mettendo il loro logo accanto al mio per dare ai clienti una maggiore serenità nell’acquisto. Poi con il tempo mi sono resa conto che all’ente certificatore interessa ben poco di quello che fai e di come lo fai, tant’è che mi ha chiesto il pagamento dell’intera somma necessaria per la certificazione, senza che io abbia nemmeno inviato loro i prodotti da analizzare e senza alcun controllo preliminare. Ciò  mi ha fatto pensare che una volta presi i miei soldi non avrebbero potuto far altro che acconsentire al loro logo, perché cosa sarebbe potuto succedere di diverso? Mi dicevano, le restituiamo il denaro perché i suoi prodotti non sono certificabili… mmmh…

Allora, in quel momento ho deciso che ci avrei messo io la mia faccia! Io personalmente e per legge mi assumo tutta la responsabilità che serve per dire che ogni cosa che Bio’s pensa, fa e mette in commercio, segue la politica dell’ECOBIO. Io, e le persone che lavorano con me, sentiamo interiormente e viviamo nel pieno rispetto della salvaguardia dell’ambiente, dell’ecosistema in generale. Ma, cosa ancor più importante, non userei mai e dico mai una sostanza che possa essere dannosa o nociva per qualunque persona, pianta o animale.

Ci distingue la semplicità degli ingredienti, e la semplicità delle formulazioni. Se devo descrivere Bio’s in una parola: SEMPLICE.

Il mio consiglio per i consumatori è di non farsi prendere dall’isteria nell’acquistare i cosmetici, questa è la nuova tendenza purtroppo. Non cambiate routine in continuazione solo perché è uscito un nuovo prodotto e lo hanno comprato tutti, tranne te. Cercate di capire di cosa realmente ha bisogno la vostra pelle o i vostri capelli, una volta trovati i prodotti giusti usateli e ricomprateli.

Le Interviste di #LBSN: Bio's


8. Qualche mese fa mi hai contattata per ringraziarmi di averti fatto conoscere indirettamente Francesca, mia amica e oggi vostra collaboratrice e da quel momento mi pare di capire che sono nati nuovi prodotti Bio’s e alcuni stanno vivendo un’era 2.0. C’è un nuovo catalogo? Cosa c’è di diverso?


Già, come detto sopra proprio grazie ad un tuo post ho conosciuto Francesca e con lei ho riformulato tutte le referenze, è stato un lavoro lungo che ha richiesto anche molti sacrifici, ma ora siamo pronti a partire nel migliore dei modi. Il catalogo è lo stesso di sempre aggiornato con la nuova grafica dei prodotti e i nuovi INCI.

 

Le variazioni hanno riguardato molti prodotti:

  • gli shampoo hanno una consistenza fluida e limpida, differentemente da prima;
  • i balsami e le maschere sono maggiormente districanti e con una texture più fluida;
  • le creme giorno si sono arricchite di SPF 20 e sono in flaconi airless;
  • il contorno occhi e le referenze con i peptidi sono stati potenziati.

9. Il prodotto Bio’s che ti piace di più e quello che ti piace di meno?

Io amo il burro struccante, è quello che mi piace maggiormente e quello che mi piace di meno… mmmh non saprei… direi una bugia, li amo tutti, anche quelli della linea uomo.

Le Interviste di #LBSN: incontriamo Bio's


10. Confessa: sei alle prese con nuovi prodotti? Cosa bolle in … laboratorio?

Saremo presenti al SANA come espositori e ovviamente ci saranno delle novità, ma seguendo la logica aziendale, nulla che non sia strettamente necessario.


11. Direi che ti ho stressato abbastanza, però vorrei chiudere l’intervista con una frase o un proverbio, scegli tu, che vi rappresenti…

Mio marito ha coniato: PIU’ BIO’S PER TUTTI. Ormai è il nostro motto!!

Cara Daniela, sinceramente penso che il tuo motto sia ”Volli e sempre volli, fortissimamente volli”, perché ci hai detto a chiare lettere che dietro un semplice logo c’è forza di volontà, mossa da passione e voglia di portare avanti gli insegnamenti di famiglia, non dimenticando mai chi sei e da dove vieni, neppure in nome del progresso e in barba alle leggi del mercato.

Grazie Danya per averci aperto la porta di Bio’s!


Potrebbero interessarti anche:
Viaggio intorno alle origini della cosmesi [Intervista a Muriel]
Adottiamo la lavanda: intervista a Podere Argo

(Visited 169 times, 1 visits today)

Una risposta a “Le Interviste di #LBSN: incontriamo Bio’s”

  1. Davvero una bellissima intervista ad una donna che trasmette la sua energia e la sua grinta, oltre che il suo desiderio di creare, e di avvicinarsi alle esigenze dei clienti!
    Brave!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: