Age Defying spf30 – Madara

Ogni anno si ripete la stessa triste storia: l’olio di cocco si scioglie, la sera tarda ad arrivare, il piumone viene tolto dal letto tra lacrime e sospiri e le creme si rifiutano di penetrare nella mia pelle riaffiorando immerse in goccioline di sudore!

Per affrontare la battaglia, quindi, ogni anno devo ridurre al minimo la mia skincare che, se prima era composta da “giusto due cose” ( tonico/siero/contorno occhi/crema/protezione solare/base makeup), adesso va alleggerita il più possibile: tonico, siero (solo se fuori ci sono ancora i primi gironi dell’Inferno e non la finalissima!) e crema colorata con protezione che ti fa pure il caffè (dicesi: multitasking!). L’anno scorso mi sono trovata bene con Alga Maris, ed infatti ve ne ho parlato qui. 

Age Defying spf30 - Madara

Quest’anno, invece, ho puntato su un prodotto decisamente più costoso presentato al Cosmoprof:

Age Defying spf 30 di Madara

Madara è un azienda, insieme alla sorellina Mossa che apprezzo da diversi anni, e questa crema sembrava proprio promettente.

Oltre al fattore di protezione solare, infatti, contiene:

  • attivi antiossidanti utili contro l’inquinamento urbano, derivati principalmente dal The verde;
  • le cellule staminali provenienti dalla melissa di Ruysch (e chi non la conosce! Forza, tutte su Google che v’interrogo!);
  • l’acido ialuronico e l’aloe che sono sempre nostri amici e ci piacciono sempre perché idratano preservando l’elasticità cutanea;
  • sostanze ricche di flavonoidi come il lampone e la vite rossa che svolgono un’azione antigas ed antiossidanti.
Ecco l’INCI

Aloe Barbadensis (Aloe) Leaf Juice*, Zinc Oxide, Isoamyl Laurate, Dicaprylyl Carbonate, Glycerin*, Sorbitan Olivate, Cera Alba (Bees Wax)*, Lecithin, Polyglyceryl-2 Dipolyhydroxystearate, Silica, Cellulose, Dracocephalum Ruyschiana (Dragonhead) Cell Culture Extract, Camellia Sinensis Leaf Extract, Quercus Robur (Oak) Bark Extract, Vitis Vinifera (Grape) Seed Oil, Hydrolyzed Hyaluronic Acid, Sodium Hyaluronate, Sodium Chloride, Aroma, Rubus Idaeus (Raspberry) Seed Oil, Sorbitan Caprylate, CI 77492 (Iron oxides)*, Palmitic Acid, Stearic Acid, Propanediol, Benzoic Acid, Cl 77499, CI 77491, Aqua/Water, Ascorbyl Palmitate (Vitamin C), Sodium Phytate, Tocopherol (Vitamin E), Potassium Hydroxide, Benzyl Salicyclate, Limonene, Citral, Linalool, Eugeniol.

Il prodotto

Si presenta in una scatola di cartone che contiene un tubetto bianco con erogatore a siringa da cui fuoriesce una crema profumata e colorata.

Ottima prima impressione, sia perché ha un profumo delicato e floreale, diverso dai soliti solari, e sia per il beccuccio da cui è possibile far uscire la giusta dose di prodotto, senza sprechi e senza sporcare in giro.

Viene proposta in un unica colorazione, al costo di 34€ per 40ml.

Age Defying spf30 - Madara

La consistenza della crema è il secondo punto a favore

Non vi è traccia dell’unto che si trova di solito nei solari è una crema liscia, un po’ collosa, che si stende facilmente lasciando il viso tonico, levigato ed uniformato.

All’inizio regala una sfumatura un po’ grigia ma scompare subito senza lasciare nessuna traccia. Ecco, questo purtroppo, ha leggermente deluso le mie aspettative. Il prodotto, infatti, nonostante sia colorato, diventa davvero invisibile sulla pelle dopo poco, facendoti rinunciare all’illusione di poter avere in un’unica applicazione protezione e, almeno, una leggera copertura simile ad una BB cream!

La sto usando tutti i giorni

Non solo in città, ma anche nelle giornate al mare, montagna o, ahimè, piscina, e non sto avendo nessun tipo di scottature o segni lasciati dal sole.

La Age Defyng è confortevolissima da usare con il caldo e si assorbe subito, lasciandomi una pelle compatta ed idrata per tutto il giorno.

Credo sia perfetta per chi d’estate si colora un po’ e, per questo, non necessita di uniformare più di tanto. Io avrei preferito un leggero effetto makeup che si ottiene, per esempio, con la BB cream spf 15, sempre di Madara. Per me però un spf simile è impensabile anche senza sole!

Age Defying spf30 - Madara
A sinistra Age Defying spf 30, ed a destra City CC spf 15 in versione light beige

Credo che l’avrei amata di più d’Inverno, come step intermedio tra la crema ed una base colorata, visto che un spf che lascia il viso così “secco”, senza aloni oleosi o pesanti, non l’avevo ancora trovata nel bio mondo. Non escludo di ricomprarla per provarla in questo modo, ma quest’anno le dico grazie per avermi regalato una pelle protetta e sana, ma mi dispiace aver rinunciato a quel minimo di frivolezza che ti dà il sentirti addosso un velo di makeup nonostante il caldo torrido.

E voi? Come vi proteggete dall’inferno? Aiutatemi con i vostri consigli, vi prego!!!!

Articolo scritto da Alice Haendel

Potrebbero interessarti anche:

 

(Visited 503 times, 1 visits today)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: